Skip navigation

  1. Abitano lontano da voi. Se per raggiungere la loro casa, siete obbligati a prendere tre autobus, due taxi e farvi cinquecento metri a piedi oppure siete costretti a riempire il serbatoio dell’auto prima e dopo di mettervi in cammino, allora bisogna che prendiate seriamente in considerazione il fatto di chiedere un rimborso spese al suo ritorno (dipende da quanta faccia tosta abbiate) o che vi mettiate l’anima in pace perché questo periodo sarà fonte di continuo stress per voi. In questa categoria rientrano anche le abitazioni del centro storico: anche se non lontane da voi, sono comunque impossibilitate da raggiungere in macchina, pena multa salata e detrazione punti (sia benedetto l’inventore della ztl!).
  2. Abitano in una costruzione vecchio stile. Il che significa due cose principalmente: non c’è l’ascensore e i gradini sono alti minimo un metro, come dire, se non avete il phisique du role – gambe lunghe, peso contenuto e corpo allenato alle scarpinate – avrete dei seri problemi. Certo, dipende anche dal piano che dovrete raggiungere.
  3. I vicini non sono andati via. Nella migliore dell’ipotesi, aspettatevi di trovarli di fronte ad ogni vostro arrivo; nella peggiore, aspettatevi di vederli arrivare insieme ad una pattuglia di carramba da loro chiamata dopo aver sentito dei rumori sospetti e, sa, i proprietari sono al mare, uno che deve fare?
  4. I vicini possiedono un animale domestico – nella fattispecie denominato cane – che tengono in cortile. E’ giocoforza che il cane non vi riconoscerà mai, anche qualora gli passiate accanto ogni singolo giorno, vi abbaierà, vi ringhierà, vi inseguirà finché non farà uscire i suoi padroni che, se giovani e simpatici (ma non vi illudete, capita una volta su mille) diventeranno vostri grandi amici, se vecchi e antipatici (quasi sempre, cioè) non si ricorderanno mai di voi, minacceranno col bastone di chiamare la pula.
  5. I vostri amici possiedono un animale domestico. In questo caso le ipotesi sono diverse e altrettanto dicasi delle variabili, la cui principale dipende dal vostro amore per gli animali. Se si tratta di un cane, rifiutatevi categoricamente: anche quello di taglia più piccola ha bisogno di attenzioni costanti (dal scenderlo a pisciarlo alla bava che dissemina in ogni dove); vi giocherete le vacanze e vi maledirete. Nel caso di un gatto, il fattore determinante è la vostra quota di masochismo: se minima, allora lo lascerete nella casa dei vostri amici e vi assicurerete solo che la sera abbia la lettiera pulita e acqua e cibo a volontà; se massima, lo porterete a casa vostra, maledicendo voi stessi per averlo lasciato entrare e il gatto in questione per aver graffiato quanto di graffiabile abbiate in casa. Non pensiate che vada meglio con pesci, taratrughe o criceti: gli animali di piccola taglia, si sa, sono i primi a crepare e di solito scelgono di farlo durante le vacanze (per non parlare della sfiga delle sfighe, ovvero la rottura del filtro dell’acquario, che significa: primo, la morte assicurata del 60-70% dei pesci; secondo, cambio dell’acqua; terzo, acquisto di una nuova pompa, perché, no, non vendono solo il filtro – provate a dare un’occhiata ai prezzi, poi ne riparliamo -. Per inciso, non prendo neanche in considerazione l’ipotesi di animali tropicali, quali serpenti, iguana, pirana…
  6. Possiedono piante. Chilometri e chilometri di vegetali, sistemati in qualsiasi luogo della casa (da sopra il mobile in bagno alla ventola del condizionatore, dalla scala condominiale al garage, dal balcone ai davanzali) che ripongono in voi ogni speranza di sostentamento e voi che potreste fare? Certo non andare ad annaffiare in ore calde, ma al mattino presto o la sera tardi, magari mentre cambiate la sabbia al gatto (in questi casi, si affina una straordinaria dote di organizzazione anche nelle persone più disorganizzate).
  7. Vi stanno antipatici. Magari anche voi state antipatici a loro, non crediate, però siete la loro ultima spiaggia e sono costretti a chiedervelo o, magari, vi vogliono punire rovinandovi l’estate mentre loro sono al mare spaparanzati come lucertole. Comunque è sempre bene accettare, con due opzioni: potete non presentarvi mai, lasciando la casa in balia del primo che passa, lasciando piante e cani al loro destino e inventando qualche scusa molto credibile; oppure potete presentarvi tutti i giorni rompendo casualmente qualche vaso cinese, d’altronde, la fretta…
  8. Non potete allontanarvi dalla città, ma neanche per passare un week-end al fresco, perché vi sentirete in colpa per non essere passati e, soprattutto, sarà proprio quel giorno che capiterà il peggio (da cataclismi universali a visite di ladri).
  9. Nel caso di maltempo, avrete due case da pulire. L’estate è stagione di temporali per definizione e negli ultimi tempi si sono visti acquazzoni disarmanti che hanno messo in luce la qualità delle nostre fognature; si sono visti garage pieni di melma e tetti volati chissà dove. Non solo dovrete rimboccarvi le maniche e fare le pulizie di primavera che avevate fatto giusto un paio di settiamne prima a casa vostra, ma dovrete anche farle in casa di altri, dove, magari, non venivano fatte da mesi.
  10. Finirete per litigare e rompere una bella amicizia. Qualcosa può sempre andare storto, anche se avete fatto tutto il possibile per impedirlo, ma che volete, la fortuna è cieca,… E allora litigherete, litigherete e litigherete ancora.
Annunci

One Trackback/Pingback

  1. By Resoconto #1 « Piove con il sole on 10 Lug 2007 at 4:20 am

    […] non hai capito quello che ti dico da un anno a questa parte: io e i tuoi pesci abbiamo chiuso, per sempre; prova un po’ con tua suocera se attacca”) – ore di televisione: sempre meno, sto […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: