Skip navigation

Venerdì scorso è finita la quarta stagione. Ad una settimana di distanza devo dire che questa serie non mi ha soddisfatto particolarmente, forse perché, a differenza delle altre che giocavano di più sui colpi di scena (nella terza ha tenuto banco il giallo sull’identità del Macellaio, nella seconda l’ambigua Ava, nella prima chi si ricorda), quest’ultima è stata caratterizzata dalla suspence hitchcockiana: noi pubblico eravamo a conoscenza di tutti i principali nodi drammatici – ci mancavano qualche dettaglio pressoché inutile – mentre i protagonisti erano ignari del lato recondito delle azioni che muovevano altri personaggi e noi lì a ridere amaro di fronte a riferimenti a particolari situazioni o a bugie palesemente tali.

C’è stata anche qualche guest star – o comparsata illustre, che dir si voglia – da Catherine Deneuve, nei panni di una donna (francese) che si fa sostituire le protesi al seno con altre contenenti le ceneri dell’ex, a Jacqueline Bisset che dona credibilità e carattere alla perfida James riuscendo a non rendere ridicolo un personaggio che facilemente avrebbe potuto scivolare nel grottesco; da una neoricca Rosie O’Donnell che può permettersi tutto tranne la felicità, ad una rediviva Brooke Shields, psicologa senza troppi scrupoli deontologici. C’era anche Larry Hagman che, per chi come me lo identificava con l’imbranato e scattante astronauta compagno di Jeannie, lo ha ritrovato decisamente più vecchio e meno prestante.

Sono mancati colpi di scena ecclatanti, ma non è mancato il Momento.

Il Momento è quella particolare situazione all’interno di un serial televisivo che, a distanza di anni, ricorderai; magari faticherai a ricreare tutti gli avvicendamenti della sceneggiatura (chi sta con chi, chi lascia chi, chi è quello…), magari non sentirai più parlare di quegli attori o magari diventeranno star internazionali (leggi “Hilary Swank”), in ogni caso, sai che quel particolare telefilm rimarrà per sempre legato a quella scena, al Momento, appunto.

Alcuni esempi di Momenti, per intenderci:

Melrose Place – Tutti gli inquilini sono presenti nel condominio, Michael e Sidney cercano di convincerli ad evacuare in fretta a causa del pericolo al quale sanno di essere sottoposti, gli altri non capiscono e non si muovono di conseguenza; improvvisamente irrompe sulla scena Kimberly che esclama: “Aspettate! Non è come pensate, – estrae dalla tasca un telecomando – è molto peggio!”, fa pressione sul telecomando ed innesca una serie di bombe che naturalmente non saranno causa di danni all’edificio o ad illustri ospiti.

X files – Scully e Mulder al telefono, lei fa il resoconto di quello che le è accaduto e lui incredulo chiede: “Stai dicendo che hai parlato con Dio in un tempio buddista?”

Sentieri – Annie in clinica psichiatrica, Harley si fa internare apposta per farla confessare; Annie scopre il piano di Harley e le propone un test di fiducia, l’una dovrà girarsi di spalle e lasciarsi cadere all’indietro, l’altra eviterà la caduta sostenendola; pur di conquistare la sua fiducia, Harley accetta la prova. Cadrà a terra miseramente, facendosi molto male. (Annie indossava una maglietta arancione fosforescente).

Buffy – La Cacciatrice confessa allo storico nemico Spike che ha il vago sospetto, anzi la certezza, di essere stata in Paradiso, anzi di non sapere bene dove si trovasse, una volta morta, ma le sensazioni di pace e di beatitudine le hanno fatto pensare che, se non era in Paradiso, ci andava molto vicino.

Sex and the City – Carrie attraversa mezza città, munita di baguette, basco ed happy meal, per presentarsi da Mr Big e preparare armi, bagagli e burattini per partire per la Francia. Almeno così credeva lei. L’happy meal finirà schiacciato contro un muro.

Ally McBeal – Invitata a sorpresa ad un matrimonio dalla sposa che fino all’ultimo nutriva dubbi nei confronti del (futuro) marito, la nostra non riesce a non alzare la mano alla fatidica domanda del prete – se qualcuno conosce un motivo per cui questi due non dovrebbero unirsi in matrimonio, parli ora… -, solo qualche ora prima aveva avuto un “incontro ravvicianto” con lo sposo in un autolavaggio.

Nip/tuck – James apre letteralmente il corpo di un vecchio barbone, che aveva passato tutto il giorno ad infondere fiducia in uno dei protagonista, per asportargli tutto ciò che era possibile asportare, commentando “il fegato, naturalmente, era inutilizzabile”.

Per inciso, James si era presentata dicendo che “j’aime, in francese, significa io amo”.

Annunci

3 Comments

  1. vero, quest’anno è decisamente calato, sopratutto in confronto alla scorsa stagione..

  2. Altro momento in Friends: mentre le infila al dito l’anello di matrimonio, in una chiesa gremita di parenti e amici, Ross dice a Emily “Io prendo te, Rachel…”

  3. @ Hertz, vedo che non sono l’unico ad essere rimasto deluso da questa quarta serie.

    @ Pfd’ac, Friends l’ho quasi completamente rimosso, eppure lo devo averlo seguito per un po’, forse anche tutto tranne le ultime puntate (che non fanno testo, perché è fisiologico che mi perda le ultime puntate), però mi ricordo la scena che dici tu, più o meno…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: