Skip navigation

Visto l’arrivo dell’aria torrida, voglio fare servizio di pubblica utilità e segnalare in anticipo alcune importanti notizie dei prossimi telegiornali.

Innanzitutto sta arrivando, dove non è già arrivato, il caldo ed è buona norma vestirsi di meno, mettere nell’armadio il cappotto dopo averlo accuratamente lavato (alcune scuole di pensiero, tuttavia, sostengono che il cappotto vada lavato una volta tornata la stagione fredda; in genere si decide di affidarsi ai consigli di una progenitrice), indossare capi più leggeri e chiari, evitare indumenti sintetici o, in alternativa, evitare il made in China.

Con il caldo è anche facile secernere un liquido dalle ghiandole sudoripare, tale liquido prende il nome volgare di “sudore”, trattasi altresì di un misto di acqua e sali minerali che, una volta espulsi dal nostro organismo, hanno bisogno di essere reintrodotti. E come fare? Anche in questo caso ci sono svariate scuole di pensiero, la più diffusa delle quali prevede l’introduzione di liquidi nel nostro corpo attraverso l’impiego di uno di quegli oggetti che prende il comune nome di “bottiglietta d’acqua da 500 ml”. Ricordiamo, inoltre, la diffusione di bottiglie contenenti integratori minerali, vendibili anche in forma granulare in farmacia. Si ricorda che la quantità minima di liquidi da introdurre è di due litri al giorno. Valide alternative sono anche la frutta e la verdura di stagione, meglio evitare i fritti e i cibi caldi; le bevande frizzanti e quelle piene di malto dissetano ma gonfiano.

E’ consigliabile anche evitare di uscire dalla propria abitazione nelle ore più calde della giornata, ovvero dalle 11 alle 17, per ridurre al minimo i rischi d’insolazione. In spiaggia o al lago è indispensabile una protezione contro i raggi UVA ed UVB, soprattutto per chi ha una pelle particolarmente chiara.

Il condizionatore e gli altri impianti di areazione devono essere posizionati su di una temperatura non eccessivamente distante da quella dell’ambiente esterno per evitare il cosiddetto effetto mummia. Lo stesso dicasi per il climatizzatore dell’automobile che necessita di periodica ricarica.

Le persone più soggette al caldo sono i bimbi e gli anziani che, in questo periodo dell’anno, tendono a cadere a terra come mele mature. Il consiglio, dunque, è quello di non uscire dal proprio boxer o di rimanere ancorati al salotto del proprio ospizio per una partita a briscola.

Annunci

2 Comments

  1. Hai dimenticato di dire che nelle ore più fresche è consigliabile una passeggiata al parco.

  2. In effetti, mi mancava.


One Trackback/Pingback

  1. […] molta acqua. Per altri preziosissimi consigli su come affrontare l’arsura estiva rimando a questo post di Piove con il sole, che naturalmente è ironico – lo specifico per chi non dovesse […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: