Skip navigation

Giornata di sole.

Serata finale del Festival di Sanremo. La noia. Alle 22,30 avevano finito di esibirsi tutti i cantanti in gara, da lì in poi è stato cazzeggio puro per tre ore. Ha cominciato Adriano Celentano con il pippone già rodato di fatti suoi, l’invettiva contro la stampa cattolica (again), contro i giornalisti che non l’hanno capito, la mamma che vuole più bene al fratellino appena nato. La novità è stata che a ‘sto giro Adriano nostro è stato fischiato da una parte della platea – quella in alto, l’unica disposta a mostrare un po’ di feedback alla manifestazione – e sarei curioso di sapere se il pubblico fosse lo stesso dell’altra serata, quello che applaudiva, per intenderci. Celentano non l’ha presa bene, sembrava piuttosto intimorito e visibilmente stupito dalla reazione. Quella che ha tirato fuori gli artigli è stata la signora Mori che, in sala stampa, ha parlato apertamente di complotto organizzato dalla stessa Rai per screditare il marito. Anyway, l’intermezzo non è durato tanto e si è potuto esibire il vincitore di Sanremo Social (o Soccial, secondo Morandi) che non si era potuto esibire la sera della vittoria in quanto minorenne. Ora, parliamone, ma che senso ha che i concorrenti under 18 possano gareggiare ma non possano partecipare ad una diretta dopo la mezzanotte considerando che la prima serata inizia verso le 21,30 e la seconda non esiste perché inglobata direttamente dalla terza? Se si vuole mantenere questa regola bisognerebbe che qualcuno riscrivesse la scaletta del programma per evitare questi teatrini tutti gli anni. Poi ci sono stati i Cranberries che hanno cantato “Zombie”. Come nel 1994. Solo che nel 1994 potevano essere fighi, nel 2012 fanno solo tristezza. Chi ha fatto ridere, invece, è stata Geppi Cucciari che ha dimostrato come si possa fare ironia su tutto senza necessariamente essere volgari o offensivi. Ha persino concluso il suo ultimo monologo ricordando il rapimento di Rossella Urru e insegnando così ai comici che l’hanno preceduta come si possa far ridere e utilizzare uno spazio pubblico per diffondere informazioni e tenere alta l’attenzione su di un caso che rischia di finire nel dimenticatoio. Chapeau. Verso l’una e mezzo hanno proclamato il vincitore, o meglio, la vincitrice e la prima cosa che le ho sentito dire tra le lacrime è stato un “Franci… Franci…” con buona pace di chi era a casa ad aspettare un sms. Ora, io non lo so perché chi esce dai talent di Canale 5 finisce per trionfare al Festival di Sanremo da un paio di anni a questa parte. Di sicuro il meccanismo del televoto aiuta ma non può essere solo quello. Di sicuro l’ambiente musicale di “Amici” o di “Io canto” è più vicino a quello di Sanremo. Di sicuro Sanremo continua ad essere un punto di arrivo per molti concorrenti dei talent. Però, bo, non mi so dare una spiegazione precisa. Altri momenti clou della serata: l’abito blu di Noemi da pugno in un occhio e gli auguri che ha fatto alla mamma, il saluto ai vecchietti all’ospizio di Samuele Bersani, Olga Fernando che continua ad avere una vita nonostante la chiusura del “Maurizio Costanzo Show”. Ciao, Sanremo, è stato bello per quest’anno, anche se meno bello dell’anno scorso, ma ti saprai rifare, credici.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: